Polpette di verdura: patate, carote, porri e carciofi

No votes yet.
Please wait...
Tempo di preparazione
25 min
Tempo di cottura
10 min
Difficoltà:
Facile
Porzioni
4 porzione
Portata
Contorni
Pubblicata da
Pubblicata il
parmigiano reggiano
q.b.
sale
q.b.
prezzemolo
q.b.
Formaggio spalmabile light
80 gr
Porro
40 gr
Carote
100 gr
Carciofi
150 gr
patate
600 gr
Polpette di verdura: patate, carote, porri e carciofi

Come portare in tavola tanta verdura, anche quella che ai bambini piace meno? Eccovi le polpette di verdura con patate, carote, porri e carciofi. Personalmente ho usato queste verdure, ma è possibile cambiarle e modificarle in base a ciò che si possiede in casa. E’ una cosiddetta ricetta “svuota frigo”, nella quale è possibile inserire ciò che si vuol cucinare poiché vicino alla scadenza.

Prepariamo le polpette di verdura

Queste polpette di verdure sono piuttosto facili da preparare. Sarebbero anche veloci se non consideriamo il tempo di bollitura delle verdure, soprattutto delle patate, che ahimè richiedono tempo. Tale tempistica è facilmente risolvibile con l’ausilio di una pentola a pressione, la quale riduce i tempi in un batter d’occhio.

Per rendere più saporite le polpette, ho aggiunto le spezie che ritenevo legassero meglio: pepe, erba cipollina e aglio in polvere. Oltre a starci bene, erano quelle che avevo in casa! 😀

Per velocizzare il tutto, mi sono avvalsa dell’aiuto di un robot da cucina, che ha tritato insieme tutti i componenti, mescolandoli. Si è così formata la purea di base, alla quale ho poi aggiunto il prezzemolo, le spezie ed il formaggio.

E’ possibile usare il formaggio spalmabile, o anche il semplice parmigiano grattugiato. Dipende tutto da ciò che avete in casa. E’ infatti una ricetta talmente versatile da poter essere modificata facilmente, senza cambiare nettamente la ricetta rispetto a quella originale.

prova2

Una volta formate le polpette, io le ho lasciate a temperatura ambiente a riposare.

Avendo necessità di cuocere tutte le verdure vicine alla data di scadenza, ovviamente il numero di polpette che vedete è elevato. Non le ho mangiate tutte io, non vi preoccupate! Ho deciso di congelarle così da averle già pronte per una volta successiva.

Per effettuare questo passaggio mi è stato consigliato di tenerle in freezer per 10 minuti circa, adagiate su di un vassoio, in modo da farle solidificare così inizialmente. Una volta solide, le ho spostate in una bustina per congelare, di quelle cuki per intenderci, le ho chiuse e riposte nel congelatore. Il passaggio aggiuntivo è servito a far sì che le polpette non si unissero nella bustina, poiché non più morbide.

Le restanti polpette son state cotte in padella antiaderente, perché non avevo voglia di accendere il forno. Proverò la prossima volta a cucinarle in modo differente. Nel frattempo così, posso dirvi che son venute buonissime, ed anche in famiglia hanno apprezzato!

  1. Fate bollire le patate. A parte lessare il resto della verdura (in pentola a pressione fate prima!).
  2. Far raffreddare mentre pelate le patate e le schiacciate con pelapatate.
  3. Con la forchetta schiacciare le altre verdure e aggiungere alle patate insieme a tutto il resto tranne il pangrattato che servirà per dare il tocco finale alle polpette...
  4. Formare delle polpette, girarle nel pangrattato e disporle su di un piatto o su una pirofila. Lasciarle riposare e rapprendere così per una mezz'ora.
  5. Cuocere poi in una padella antiaderente leggermente unta per 10 minuti, avendo cura di girarle.
  6. In alternativa disporle su di una placca da forno coperta di cartaforno e cuocerle in forno ventilato a 180° - 200° fino a doratura.

Ancora nessun commento? Scrivi qualcosa per primo!

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their respective authors, and not necessarily the views of this web portal. Members are requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice or explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *

*
*