Fette Biscottate light e integrali

No votes yet.
Please wait...
Tempo di preparazione
8 min
Tempo di cottura
45 min
Difficoltà:
Facile
Porzioni
5 porzione
Portata
Dolci
Pubblicata da
Pubblicata il
sale
1 pizzico
latte totalmente scremato
1 tazzina
Acqua
100 millilitri
Lievito per Dolci
1 bustina
Malto di riso
2 cucchiai
Yogurt magro
50 gr
Farina di riso integrale
50 gr
Farina integrale
200 gr
Fette Biscottate light e integrali

Le fette biscottate sono fette di pane che vengono cotte due volte in forno: da questo prendono il nome bi-scottate. Sono simili a dei biscotti secchi, dal sapore non troppo dolce nè salato. Nell’alimentazione mediterranea sono spesso mangiate a colazione, con marmellata, burro, creme o cioccolato. Le fette biscottate in commercio, come altri sostituti del pane, contengono spesso grassi idrogenati o margarina, per questo abbiamo voluto offrire una versione delle fette biscottate light!

Fette biscottate: da dove vengono?

L’origine delle fette biscottate risale al 1800 in Prussia nella comunità mennonita, una comunità cristiana che professa un ritorno alle origini di povertà e carità. La creazione delle fette biscottate deriva dalla necessità di cuocere il pane due volte, così da evitare forme di sprechi. Queste fette inoltre, avevano la capacità di durare nel tempo, senza aggiunta di conservanti industriali. Il prodotto ha visto la produzione di massa e la vendita in larga scala per la prima volta negli Stati Uniti.

In Italia, in particolare in Piemonte, nel 1900 nacque il “biscotto della salute”. Anche questo panificato aveva la particolarità di essere cotto due volte. Era chiamato “della salute” per elogiare le sue potenzialità nutrizionali e caloriche, in un epoca di carestia. Non risponde quindi esattamente ai canoni odierni, ma può essere definito un primo antenato delle fette biscottate italiane.

Il malto di riso per le fette biscottate light

Per dolcificare le nostre fette, abbiamo usato il malto di riso. I malti, a differenza dello zucchero, non subiscono il processo di raffinazione. Essi possono essere usati sia crudi che cotti e contengono tutti i minerali del seme del cereale.

Il malto di riso è famoso per le sue proprietà benefiche: esso combatte

  • gonfiore addominale,
  • irregolarità intestinale,
  • tendenza alla depressione,
  • vulnerabilità polmonare e bronchiale.

Questa tipologia di malto ha la caratteristica di “nutrire” polmoni e intestino, oltre che facilitare gli stadi di passaggio tra buio e luce, migliorando l’umore.

  1. Sciogliere il malto nell'acqua.
  2. Unire le farine (vengono bene anche solo con farina integrale) ed aggiungerci il lievito setacciato (io ho usato quello istantaneo per questioni di tempo, se usate quello a lievitazione naturale vengono più friabili ma si aggiungono 3 ore o più di lievitazione)
  3. Fare un buco nelle farine e versarvi il composto liquido, lo yogurt e un pizzico di sale.
  4. Cercare di ottenere un panetto liscio e metterlo in una teglia (meglio x plum cake) coperta di carta forno bagnata.
  5. Cuocere in forno preriscaldato a 200 per 20/30 minuti.
  6. Far raffreddare, tagliare a fette, adagiare su teglia coperta di carta forno e spennellare con il latte.
  7. Infornare a 200 per altri 15 min.

Ancora nessun commento? Scrivi qualcosa per primo!

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their respective authors, and not necessarily the views of this web portal. Members are requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice or explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *

*
*